Natura

Nel verde della macchia mediterranea

Sorniona e selvaggia la Costa degli Etruschi è la destinazione ideale per chi ama la natura, dal mare trasparente alla folta vegetazione che profuma di pino, ginepro, mirto e lentisco. Un territorio che ha il volto di una fitta macchia mediterranea alternata a spazi modellati dall’uomo nel corso del tempo, in un’armoniosa geometria di campi coltivati protesi verso l’entroterra. Qui, tra piante secolari e il sottobosco, piccoli borghi si affacciano su grandi spazi dove il tempo sembra dilatarsi fino all’orizzonte marino. L’anima della natura, che trionfa sul promontorio proteso verso l’Isola d’Elba, appena oltre la linea di costa si tinge di mutevoli sfumature di verde: boschi, parchi, aree naturalistiche, oasi, riserve ed una campagna lavorata ricca di colori, antichi uliveti e importanti vitigni.

Percorrere uno dei tanti cammini che si spingono verso l’interno significa procedere lungo itinerari per secoli segnati da boscaioli, carbonai, bracconieri e pastori. Un’ampia rete di sentieri che gli amanti del turismo green possono oggi esplorare tra escursioni a piedi, a cavallo o in mountain bike all’interno di un contesto di alto valore ambientale e naturalistico. Molte le attività outdoor anche per chi vuole semplicemente rilassarsi: lunghe passeggiate nelle pinete affacciate sul mare dove poter praticare yoga o sostare nelle aree attrezzate per picnic, visite ai parchi o alle oasi in cui scoprire le tipiche piante della macchia mediterranea o divertirsi praticando il birdwatching. La natura è essenza primaria di questo multiforme paesaggio: dalla costa alle colline importanti e varie aree naturalistiche sono lo scenario ideale per una vacanza all’aperto in armonia con l’ambiente e al ritmo di ogni esigenza.

Aree protette, oasi e riserve

Nella parte più a nord della Costa degli Etruschi, nell’entroterra di Rosignano verso le colline pisane un’oasi di pace e biodiversità, ricca di percorsi naturalistici ed esperienziali, accoglie gli amanti della natura e del birdwatching: è Riserva Naturale LIPU Lago di Santa Luce scelta da numerose specie di uccelli acquatici in transito lungo le rotte migratorie.

Il tratto di costa che da Rosignano Solvay scende verso Marina di Bibbona è protetto da una striscia di vegetazione mediterranea di grande interesse naturalistico: è la Riserva Naturale Tomboli di Cecina con una delle pinete più belle d’Italia, perfetta per lunghe passeggiate e attività sportive. Appena nell’interno, alle spalle del paese di Bibbona, si trova invece la Macchia della Magona, un folto bosco frequentato da amanti del trekking e della bici che qui possono trovare un insieme di percorsi che si inoltrano nella natura selvaggia.

Il Parco di Rimigliano è un’area costiera protetta che si estende tra San Vincenzo e Piombino, un lungo litorale sabbioso protetto dall’ombrosa pineta dominata da lecci e pini domestici.  Il suo habitat e il clima riparato dai venti favoriscono la riproduzione di splendidi esemplari di tartarughe Caretta Caretta.

Due le Oasi WWF presenti nel territorio, una nel Comune di Castagneto Carducci e l’altra in quello di Piombino: si tratta rispettivamente del Rifugio Faunistico Padule di Bolgheri e della Riserva Naturale Padule Orti-Bottagone. All’interno di delicatissimi habitat decine di specie di uccelli acquatici si lasciano ammirare dai visitatori in un viaggio all’interno del mondo animale e vegetale.

I Parchi della Val di Cornia

Nella parte sud della Costa degli Etruschi il sistema Parchi della Val di Cornia offre molteplici esperienze a contatto con la natura, la storia, l’archeologia e le antiche attività umane. Un sistema integrato di valorizzazione culturale, ambientale e di fruizione turistica che racconta una storia millenaria che ha inizio con la civiltà Etrusca e che oggi può essere vissuta attraverso visite guidate, laboratori di archeologia sperimentale e ambientali, percorsi trekking, eventi e molto altro. Il sistema include 2 Parchi Archeologici, 3 Parchi Naturali, 4 Musei, 1 Centro di Documentazione, compresi nell’area di cinque Comuni all’estremo sud della provincia di Livorno, di fronte all’isola d’Elba.

I parchi archeologici:

Parco Archeologico di Baratti e Populonia (Piombino)
Parco Archeominerario di San Silvestro (Campiglia Marittima)

I parchi naturali:

Parco Naturale di Montioni (Suvereto, Piombino, Campiglia Marittima)
Parco Forestale di Poggio Neri (Sassetta)
Parco Costiero della Sterpaia (Piombino)

I Musei:

Museo Archeologico del Territorio di Populonia (Piombino)
Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali (Piombino)
Museo della Rocca Aldobrandesca (Suvereto)
Museo Artistico della Bambola (Suvereto)

Centro di Documentazione di Villa Lanzi (Campiglia Marittima)