Rocca San Silvestro Campiglia Marittima

Archeo-experience al Parco di San Silvestro

Due passi tra natura e storia mineraria nel cuore delle Colline metallifere, scoprendo Campiglia Marittima e il Parco Archeominerario di San Silvestro

 

Una perla emerge dalla verde campagna della Val di Cornia: Campiglia Marittima è un antico borgo dal fascino medievale, fiore all’occhiello fra i borghi che costellano la Costa degli Etruschi. Posto su una collina a dominio delle vallate circostanti e del mar Tirreno, ricade nell’area geografica delle Colline metallifere, nota per la ricchezza del sottosuolo di risorse minerarie sfruttate fin dai tempi antichi. Benché abbia ad oggi un aspetto squisitamente medievale e ben conservato, le radici storiche di Campiglia Marittima affondano in epoche ben più remote: numerose sono le testimonianze archeologiche risalenti al periodo etrusco e romano. Epoche in cui già si praticava l’estrazione dei metalli dal sottosuolo e che ha dato inizio a una lunga e proficua attività mineraria nella zona.

Di tale attività se ne conserva memoria nel Parco Archeominerario di San Silvestro, 450 ettari di natura imperante dove storia, archeologia e geologia si fondono. Il parco è situato accanto a Campiglia Marittima, raggiungibile anche a piedi con un piacevole trekking che parte dalla Rocca di Campiglia e arriva fino al parco, ed è un’area naturale protetta di interesse locale con paesaggi di pregio naturalistico e panorami suggestivi che spaziano fin sulla costa. Irradiato di percorsi escursionistici e didattici, il Parco Archeominerario di San Silvestro conserva e promuove il castello medievale Rocca di San Silvestro, le miniere e la memoria del faticoso lavoro dei minatori. Varcato l’ingresso, la visita può avere inizio con il Museo dell’Archeologia e dei Minerali; procede in compagnia di una guida, che svelerà strada facendo la storia e i segreti del parco, nella Miniera del Temperino, per giungere poi al Pozzo Earle dove si trovano i Musei delle Macchine Minerarie e dei Minatori.

Parco archeominerario San Silvestro trenino giallo

Ma la parte più entusiasmante deve ancora arrivare. A bordo di un trenino giallo, apprezzatissimo dai bambini, si entra nella Galleria Lanzi-Temperino, intraprendendo un vero e proprio viaggio nelle viscere della montagna, per scoprire più da vicino quella che era la dura vita dei minatori. Il percorso sotterraneo termina dopo circa 20 minuti; uscendo dalla miniera si prospettano i bei paesaggi della Costa degli Etruschi e i resti della Rocca di San Silvestro, un medievale insediamento volto allo sfruttamento dei giacimenti di piombo, rame e argento, raggiungibile con una breve quanto suggestiva passeggiata dalla stazione del treno. Dalla rocca, adagiata sul monte Rombolo a dominar la vallata, si scorge la Torre di San Vincenzo e la Rocca di Campiglia. Una giornata immersa nella natura tra storia geologica e mineraria per tutta la famiglia, ritmata dalle numerose attività didattiche organizzate dal parco, arricchita dalla cornice di Campiglia Marittima.

 

Per saperne di più:

Parco Archeominerario di San Silvestro

Campiglia Marittima